Poesia e Allegria

agli amici della A

by MarioMusicum

per un’introduzione all’immagine e all’atmosfera cfr.:

Che bedda Catania… (Variazioni … malinconiche su una poesia di Giuseppe Castiglia)

(Se poetare assieme

pensate non conviene ….)

Poeti in collettivo? 

Cerchiamo un buon motivo!

……….

Se diventar poeta

vi sembra buona meta,

bisogna triste o lieta 

cercarla dentro il sale, 

amaro da far male.

Quel sale della vita 

che, ognuno ormai ben sa, 

mai appare rifinita.

Bisogna un po’ soffrire 

e un po’ anche scherzare, 

ma poi ridisegnare

i nostri sentimenti 

mondati dai lamenti.

Però stando tra amici 

è ben farci felici 

e usare ritmi e suoni 

ché poi rendon più buoni.

Curando la dizione, 

non farne mai ossessione 

e il cuor non tralasciare 

cercando l’emozione …

Abbiamo un gran vantaggio, 

la scorza del buon saggio

che fa già ben capire 

le nostre vere mire: 

cercar serenità 

perché la vita è bella 

e se una buona stella 

noi tutti ci protegge 

allora il riso è Legge, 

solo da rispettare. 

Amando la Natura 

e la Montagna e il Mare 

solo da preservare 

finché esistenza dura.

Trovate più sicura 

cosa da individuare?

Amici cari tutti,

che siamo belli o brutti,

è bello ritrovarvi! 

Cercando un’altra rima …

direi che è meglio tardi 

se adesso è più di prima!

…………

Nota programmatica

Qualsiasi cosa che si senta bella è tale basta che sia fatta col cuore, è quello che più conta. La bellezza del resto non vive di quantità ma solo di riflessi e va semplicemente riconosciuta anche nelle cose più banali.

Quanto a me, ho sempre considerato un privilegio riuscire ad apprezzare, capire ed amare la bellezza prodotta dai grandi e insomma a farla mia e soprattutto ad usarla anche per riprodurla e insegnare ai miei allievi a riconoscerla e ad amarla… Proprio nella convinzione, come affermava il mio Maestro, che si tratta di pensiero umano riflesso di generazione in generazione, non appartenenza individuale ma collettiva. 

Un dono che i Grandi hanno avvertito come privilegiato e da restituire – esattamente come afferma con la massima semplicità il poeta-postino Troisi al poeta-poeta Neruda.

Questa voce è stata pubblicata in Marginalia, Poesia della vita, Politica, etica e cultura. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.