SEMPLICEMENTE UOMO

by & for MM

Davanti alla violenza cieca e oppressiva io posso solo esprimere con discrezione o con veemenza il mio argomentato dissenso. E non smettere mai di battermi anche per una difficile ricerca di verità; che corrobori, chiarisca meglio o anche reimpianti il bisogno e le prospettive di quella stessa verità.

Un dissenso non violento ma fermo e deciso e magari attivo (sarebbe il meglio) in un fare di pace che quella violenza comunque controbatta in ogni maniera.

Così davanti ai campi di concentramento nazisti io mi immaginavo e volevo essere un ebreo. Davanti alle bombe israeliane contro i civili di Gaza io sentivo di immedesimarmi e di parteggiare per un palestinese.

Davanti alle violenze di un regime fascista io mi scoprivo un contestatore comunista e davanti al gulag sovietico io divenivo un contestatore controrivoluzionario.

Davanti alle “guerre di civiltà statunitensi” sorrette o meno dagli occidentali e dalla loro “civiltà cristiana” io ero ieri un vietnamita e appresso ero pure un musulmano. E oggi sono un talebano che difendeva innanzitutto la propria patria, il proprio territorio, la propria gente, la propria famiglia. Eppure i miei nemici mi descrivevano come un non uomo per meglio giustificare la volontà di fare di me e del mio popolo solo carne da macello.

Li chiamano “signori della guerra” e non risiedono solo nei paesi “incivili e da civilizzare” ma ancor più nei paesi “civili” che esportano con la guerra la loro civiltà. Così è proprio accanto ai loro arsenali che si dispone e prospera la vera feccia dell’umanità. I veri assassini dell’umanità.

Però davanti all’oppressione integralista islamica, nonché (seppur molto diversamente espressa, pure) dell’occidente consumistico e cinicamente sessista, io sono e non posso essere che una donna. Che è come dire un essere umano che riconosce in sé solo la natura della propria più pura identità umana. E del tutto a prescindere dai propri sesso, tendenza sessuale e legittimi desideri di vita.

Davanti all’uomo bestiale che in qualunque maniera vuole assassinare la migliore identità umana io devo rimanere l’uomo che si oppone con tutte le sue forze. E perfino con le sue debolezze se le forze mi mancano.

E non ho scelta. Se voglio rimanere un uomo.

Questa voce è stata pubblicata in E-learning. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.