Il saluto ad una madre che è andata via

by MarioMusicum

Venerdì in tarda serata è morta la madre ultracentenaria del nostro amico ultrasettantenne F.; che ininterrottamente l’ha accudita per oltre un decennio dopo la morte del padre, vivendo stabilmente con lei pur avendo casa sua ed una sua propria vita indipendente. Confermando con il suo esempio che l’amore del figlio non è un’opzione e un dovere bensì un’attitudine filiale analoga alla stessa maternità. Per lei io ero il “Mario che mi chiama Mamma Iris” (ovviamente per me “mamma” nel senso di “mamma di F.”).

Due ore prima eravamo da lei, perché risvegliandosi dopo un apparente coma aveva chiesto di poter vedere o sentire al telefono i suoi tanti più giovani amici per salutarli. Era così lucida, quando l’abbiamo salutata, che non mi aspettavo che se ne andasse dopo poco più di un’ora … Quella notte mi sono svegliato e, nel pensarla con grande emozione, ho scritto questo per lei. Ma questo testo può valere per qualunque madre e per qualunque figlio che sentano la forza del legame che li unisce. Per questo lo pubblico.

*******

UN SALUTO A MAMMA IRIS

Cara ultima mia mamma, ti chiamai con il tuo fiore

senza essere il tuo figlio ma in rispetto del suo amore.

Il perché ancor mi chiedo di sì tanta vicinanza:

così affermo che di mamma non ne abbiamo mai abbastanza.

E, cogliendo in te la mia, nel riflesso dei tuoi vezzi

ritrovavo in poesia i ricordi a me avvezzi.

Dalla nascita alla morte siamo immagini di vita

che riflettono una sorte che crediamo sia infinita.

Chi ci genera è mistero di bellezza e di bontà

ma sei tu che rappresenti quella grande verità:

con Dio Padre c’è una Madre che ci imprime il suo sorriso

ed è quello che ci mostra dove regna il Paradiso.

Dal tuo grembo sorgevamo con un pianto misto a un riso,

che poi in vita suggelliamo nel legame col tuo viso.

Così fissi nel ricordo di quel viso noi restiamo

chè la Madre è pur colei da cui tutti proveniamo.

Ieri tu ci hai convocati e ormai certa del momento

con affetto salutati ci hai servito un bel tormento.

Se “morire è un po’ partire” svela un detto antico e saggio,

Mamma Iris nel tuo sfiorire tu sei andata avanti maggio.

(10 Aprile 2021)

Questa voce è stata pubblicata in etica e cultura, Marginalia, Poesia della vita, Politica, etica e cultura. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.