MAESTRO. Come sorgente d’acqua che limpida sgorga

da Sara Valeria Susi Belfiore Musumeci
“al mio Mario”

Tu esisti. Tutto ciò che sei, che sai, che fai e che hai fatto devi considerarlo compiuto per te stesso. Il poterlo, il doverlo, e perfino il non doverlo, trasmettere agli altri è una evenienza non necessariamente realizzabile. A volte in modo completo, a volte parzialmente, a volte per nulla.

Tu sei Maestro.

E puoi esserlo anche a prescindere dalla tua volontà. Tu stesso mi confessasti più volte di essere spesso riuscito, in certe particolarità e persino in misura maggiore, con studenti meno attenti o dotati. Per i quali appunto non credevi di esserti saputo spendere al meglio o come avresti desiderato. E invece li hai appresso considerati in qualche modo “allievi” (qualifica che non riservi a tutti) solo per i loro postumi ringraziamenti o per altre contingenze che te l’hanno successivamente rivelato. Proprio perché, come tu stesso hai spesso precisato, è l’allievo che prende ciò di cui ha bisogno. E ne fa l’uso che crede.

Il Maestro deve essere come una sorgente.

Una sorgente cui attingere, certo. Ma non tutti vanno all’acqua portando recipienti idonei e abbastanza capienti … Qualcuno può anche esserne del tutto sprovvisto! Vogliamo eliminarlo per questo? O, per questo, la sorgente smetterà di sgorgare? Chi è sorgente deve scorrere! Cioè deve creare e distribuire un bene prezioso per sé e per la sua stessa naturale essenza. Per le motivazioni del suo stesso esistere.

Chi ha sete berrà.

Prima o poi berrà! D’altronde non si può imporre a desiderare che gli altri bevano. Però l’acqua della tua sorgente si riciclerà. Non morendo, ma fecondando la terra e rientrando nello stesso ciclo della vita! Perciò scrivi, sii buon maestro per i tuoi studenti. Ma non avere mai il dolore dell’inutilità! Non sei tu a giudicare quanto della tua acqua gli altri debbano bere. E il grado di consapevolezza più grande sta proprio nel sapere riconoscere il proprio valore. Saperlo porgere ma non imporre. Perché si è coscienti che l’esempio, il metodo, i contenuti del nostro essere sorgente non scompariranno con noi.

Scrivi dunque. Non smettere mai! Lascia traccia di te.

(da appunti di Sara del 2019 o del 2020)

Pubblicità
Questa voce è stata pubblicata in E-learning. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.