Che bedda Catania… (Variazioni … malinconiche su una poesia di Giuseppe Castiglia)

 

di Mario Musumeci

Tornato da un Convegno di Studio a Bari ineditamente carico di emozioni, perché mi toccava innanzitutto celebrare la memoria del Mio Maestro, di cui pare io sia se non l’unico il principale continuatore (“ai posteri l’ardua sentenza”), arrivo a Catania, nella mia città. Dopo una ininterrotta serie di soddisfazioni, ma soprattutto di grandi emozioni e di connessi profondi momenti epifanici …

E, per la prima volta, quelle emozioni che scavano il senso di una vita quanto meno lavorativa (in realtà non solo, anche etica ed affettiva) si spostano sull’amore per i luoghi natii e di ben più adesiva frequenza. E siccome in una chat funzionante a pieno ritmo con i miei cari e indimenticati compagni del liceo classico Cutelli si era parlato di una canzone celebrativa di Catania, che io reputavo la più bella poesia (oltre che canzone) mai scritta da un’artista per la propria città, ne ho rapidamente elaborata la mia versione del momento. Caricandola cioè delle emozioni che in mattinata provavo, scendendo dall’aereo fino a recarmi a casa. Questo testo è esattamente cantabile su quella stessa musica e la sua invenzione ha camminato di pari passo con la sua intonazione a mente – che poi a casa ho arrangiato rapidamente anche al pianoforte.

Essa però riflette avvenimenti reali del momento, tra cui la chiusura – si spera momentanea – della più importante struttura artistica cittadina, il Teatro Massimo Bellini. Certamente le motivazioni sono complesse e dovute innanzitutto alla inettitudine e alla voracità di una classe politica immarcescibile qual’è quella siciliana – tale da fare desiderare l’immediata sospensione del regime privilegiato dell’autonomia regionale.

Dedico pertanto questa versione ai miei ritrovati amici e a tutte le persone per bene che sono vittime di questa congiuntura. Ma sento di doverla dedicare anche a Giuseppe Castiglia, Menestrello della Catania popolare, da sempre la migliore e la più autentica musa della sensibilità artistica di questa nobile città.

 

Che bedda Catania (Catania Matri)

(strofa)

Che bedda Catania, Catania di jornu,

ccu suli partìi e ‘u ttrovu ‘o ritornu.

Che bedda sta plaja ca ciaura ‘i mari,

ccu l’archi a marina m’apparunu cari.

Furríu ‘nta rutunna e m’acchiana in coddu

nna motu sbannannu, ma ju fazzu lu suddu.

Mi pari nn’amica macari la petra

c’anniura i palazzi, i jardini e ‘nta strata. 

(ritornello)

Musica, c’è musica ‘nta l’aria,

d’ogni manera e puppusa e varia

e si tu nn’ascuti nenti

appoi ti senti ‘n deficenti.

Musica ‘nta chiazza ma c’è a prutesta, 

si canta e sona ma senza ‘a festa

e s’ju chianciu fori

è picchì m’arrèstanu lu cori.

(strofa)

Che duci Catania cchi contraddizioni, 

ccu nni pensa mali e ccu i viri bboni,

m’appoi tuttu torna, l’imbrogghi accappisci

chi cùntunu ‘a vita cchi só cutulisci.

Muntagna e marina ti cantanu ‘ntornu

e Catania bedda nun c’havi mai sonnu:

si chianci, si arriri, è sempri filici

e i só problemi mai mai ti li rici.

(ritornello)

Musica, c’è musica o liotru,

musica supra, avanti e arretu,

o plebiscitu e o munfalcuni

carizzi duni ‘nta facci ‘a luni.

Musica, cchi musica, Catania vivi

e si lu senti è picchì arrivi,

tu di luntanu, ma sempri vicinu

e t’appari stranu…

(coda)

… cc’a tó Catania nun cancia mai

mancu nto menzu a li peggiu vai,

cc’a tó Catania ‘a poi sempri amari:

matri e figghiozza di Diu sunnu pari.

 

(Mario Musumeci, 28 ottobre 2019)

 

Questa voce è stata pubblicata in Attività artistiche e culturali, E-learning, etica e cultura, Lettere al/dal sito, Marginalia, Musica e cultura, Poesia della vita, Politica, etica e cultura. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.