“Armonia” lez. I-6 (2018) – Melodia e Armonia, composizione e analisi

di Mario Musumeci

Di seguito la presentazione in PDF della sesta lezione.

A I-6 slide

Questa è da intendersi come una Lezione itinerante di chiusura del I Modulo di studio che durerà fino al 14 gennaio incluso e unificherà tutti gli argomenti svolti nel modulo e che sarà soprattutto rivolta – come più volte preannunciato – alla pratica in e-learning dell’esercizio analitico e compositivo-analitico, svolto sulla base del lavoro mensile di ciascuno dei discenti; ivi incluse le procedure di verifica e autoverifica e di valutazione ed autovalutazione. La lezione quinta è stata presentata come un compiuto approfondimento integrativo di tutti gli argomenti fin’ora svolti. E contiene pure gli eserciziari da utilizzare per lo studio pratico e la relativa preparazione degli esami.

Lavorate per la composizione armonica di base sul mio quaderno/eserciziario “Composizione di base e lettura analitica” (completo per i primi due anni di studio). E sul piano esercitativo, in particolare, continuare sempre – non smettendo mai fino ad averne piena padronanza – sia con le esercitazioni morfologiche sulle triadi (lezioni precedenti), seguendo rigorosamente i consigli dati nelle lezioni di laboratorio, sia con le esercitazioni analitiche sui brani in repertorio nelle slide, sia con le diverse tipologie di esercitazioni sintattiche di scrittura armonica integrata alla composizione melodica, aggiungendo ai tre accordi fondamentali di T, SD e D le triadi di Sp sul II grado e di Tp sul VI grado: nello stile classico costituiscono il materiale triadico consonante di maggior uso, dato che sul VII grado trovate una triade dissonante (diminuita) e sul III grado l’accordo di mediante/modale a funzione tonale ambivalente tra T e D, che è molto meno usato – salvo la casistica in cui tale sua caratterizzazione è ben indirizzata e sfruttata (vedremo oltre). Infine aggiungete innanzitutto gli accordi in legame armonico, applicando dove opportuno le due regole aggiunte del II –> V in legame melodico e del V –> VI in moto contrario parziale, con la sensibile che si porta alla tonica: successione/cadenza evitata, ampiamente trattata in classe anche sul piano stilematico: ricordate le due Arie di Bononcini e A. Scarlatti? In pratica sul VI si avrà un accordo con il raddoppio della terza.

____________________________________

Aggiornati costantemente i quadri-orario, ai quali ancora espressamente si rimanda:

Quadri-orario aggiornato (dicembre) Prof. Mario Musumeci 2017-2018

____________________________________

Lezioni precedenti:

“Armonia” lez. I-1 (2018) – Lo Spazio-Tempo musicale e la Melo-Armonia

“Armonia” lez. I-2 (2018) – L’Armonia analitica e la sua prospettiva storico-evolutiva

“Armonia” lez. I-3 (2018) – Modello triadico e studio tradizionale dell’Armonia classica

“Armonia” lez. I-4 (2018) – Dalla morfologia e sintassi accordale alle proprietà testurali dell’armonia

“Armonia” lez. I-5 (2018) – Melodia e Armonia, interdipendenza e specificità

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in E-learning. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...