“Composizione” lez. I-4 (2018) – La fuga come genere modello barocco

di Mario Musumeci

Di seguito la quarta lezione sulla Teoria della Fuga, con riferimento sia al modello scolastico – accademicamente più noto e vigente – sia al ben più aggiornato impianto teorico-analitico della Fuga d’arte, con preciso riferimento alla Fuga barocca e all’estrema varietà dei suoi modelli di repertorio, connessi anche al carattere stilistici “neutrale” di questo genere dotto e dunque aperto alla contaminazione dei generi tipica del tardo barocco.

C I-4 slide

Si rammenta che in una precedente lezione, in stretta connessione, ci si è concentrati sul propedeutico argomento della Trama continua barocca, applicato approfonditamente ad una nota Sarabanda di J. S. Bach. A questa lezione occorre fare fin d’ora stretto riferimento per la miglior comprensione dell’argomento, anche nelle successive lezioni del modulo. Per quanto riguarda la necessaria connessione con il lavoro fin’ora svolto, insisto sul riferimento al trattato di II anno, (costantemente integrato da quello di I anno, in nuova versione del 2017). E ve ne ho dato ampia illustrazione delle parti da studiare, con particolare riferimento a :

  1. Premessa e cap. I: lettura attenta e soprattutto confermativa di quanto studiato nelle precedenti lezioni.
  2. Cap. II: solo lettura per adesso, ma da riprendere bene alla fine del modulo.
  3. Capp. III e IV: studio attento e circostanziato al massimo.
  4. Cap. V: vocabolario su tabelle da tenere sempre sotto mano per apprenderne poco a poco tutti i contenuti (significati della musica, dal barocco ad oggi).
  5. Riferimenti su Fuga e Fughismo e sul connesso concetto di Polifonia concertante nel cap. IX (tabella Fuga).

In tal senso vanno ancora intese queste slide allegate: ossia come materiali di riferimento laboratoriale rispetto quanto indicato sul libro e trattato in lezione.

Lo studio attento della Fuga, dunque, ma pure nella sua ineludibile integrazione con il vigente pensiero retorico, fondativo sul piano estetico (e pure conoscitivo e dunque formativo …) e di necessario riferimento per la viva, e più profonda, comprensione della musica barocca.

E si fa pure sempre più approfondito riferimento a delle trascrizioni per quartetto di sax, che esaltano in particolar modo la scrittura polifonica, meglio svelandone le commistioni (contaminazioni stilistiche di genere) con altri generi ben più coinvolgenti il pubblico dell’epoca: la Cantata sacra, il Mottetto barocco, il Concerto …

E sempre per mostrarne le alte qualità di magistero compositivo, appunto rivelatorie della stretta intersecazione dei qui illustrati fondamenti del pensiero compositivo barocco:

  1. la Trama continua (Fortspinnung), quale tecnica di composizione melodico/polifonica, fondata sulla testuralizzazione intrecciata di piedi ritmici, motivicamente tematizzati;
  2. la Disposizione retorica secondo i modelli della germanica Teoria degli Affetti (Affektenlhere), come specifica applicazione sul brano, ripartito pertanto in determinate fasi ricavate dall’Ordine retorico. Insomma la nozione formale anteriore alla stessa Teoria della forma ottocentesca (pertanto della stessa progenitrice, in chiave evolutiva epocale), esplicante – dall’antichità greco-romana e, attraverso le riletture medioevali, fino al Rinascimento e al Barocco – la primaria e vigente prospettiva colta (razionale e “logocentrica”, cioè fondata sul più antico paradigma conoscitivo occidentale del logos …)  di conoscenza ed interpretazione  della realtà umana, in applicazione ideativa e comunicativa in ogni campo disciplinare;
  3. il Fughismo, quale matrice idealizzata della composizione barocca, cioè (detto con linguaggio moderno) come modello formale dell’epoca, racchiudente nel genere (appunto: dotto, finalizzato al docere) della Fuga le tecniche compositive più raffinate e specifiche della composizione barocca, polifonica e fondata sul contrappunto armonico e sul basso continuo.

Laboratorio

Appresso – anticipando il lavoro di verifica inter-modulare (lo spazio di pausa dalle lezioni tra la chiusura di un modulo e l’avvio del successivo) – vengono pubblicate le esercitazioni di composizione analitica e di analisi compositiva svolte dagli studenti e revisionate dal docente, al fine del più ampio confronto possibile in e-learning.

A) Composizione analitica di melodia barocca

  1. un esempio da me rivisto e reimpostato del bravo Luigi. Notate soprattutto l’uso eccezionale, associato alle consonanze anche delle settime di passaggio, risolte discendendo ma date anche senza preparazione: sol su la, re su mi; successivamente sono tutte preparate di grado dall’ottava, a mo’ di compensazione:n. 60 da J.S. Bach.jpg
  2. un esempio su basso dato, svolto da uno studente dello scorso anno:

Soggetto I (Mirko G.)

Consigli (per tutti):

  1. Ricordo che i gradi III e VII sono da interpretarsi, in primo rivolto, come T6 e D6.
  2. La melodia è una serie di tasselli (piedi ritmici) “incasellati” nella struttura armonica; ossia inserendone i suoni o come note reali dell’armonia o come suoni estranei adeguatamente preparati e risolti (limitatevi a note di passaggio e di volta).
  3. Questi tasselli, che qui individuo puntualmente con le legature tratteggiate dell’ordito ritmico, si uniscono tra loro costituendo figure melodiche ancor più caratterizzanti, fino a definire un disegno tematico, individuato con legatura normale. La sua caratterizzazione dev’essere la ricorrenza, ossia una qualificazione ritmico-metrica tale che esso possa diventare il punto di riferimento riconoscibile della costruzione dell’intero Soggetto e anche dell’intera composizione da questo appresso generabile.
  4. Proprio per questo sarebbe bene che alcuni tasselli successivi più o meno compiuti nel disegno lo contraddicano parzialmente, per poi avvertire l’esigenza del riequilibrio attraverso il recupero degli aspetti più originari del disegno.
  5. Studiate bene tutto l’apparato delle legature di segmentazione sovrapposto alla melodia dal docente: sta proprio qui il segreto della cantabilità bene integrata della compiuta melodia. In pratica: ad ogni, anche minimo tratto di legatura, trovate una definizione chiara di piede ritmico oppure di aggregazione di più piedi ritmici ovvero di più inglobante figura retorica. E nel diverso disporsi delle legature, inferiore o superiore, e in altre aggiunte indicazioni trovate gli spunti internamente dialogici della melodia: la sua discorsività in polifonia latente.
  6. Datevi da fare innanzitutto su questo aspetto di buona comprensione del lavoro – anche quando prodotto da altri – prima di comporre anche sullo stesso basso delle altre melodie. E non esagerate con trovate ritmiche che non riuscite tecnicamente a dominare: le note di riferimento devono sempre essere suggerite dall’intelaiatura armonica.

B) Analisi di composizione barocca

Segmentazione del soggetto in un paio di fughe a scelta dall’antologia.

____________________________________________________

Lezioni precedenti:

“Composizione” lez. I-1 (2018) – Il dominio ritmico-formale del pensiero musicale

“Composizione” lez. I-2 (2018) –Le sette prospettive formali e la Trama continua barocca

“Composizione” lez. I-3 (2018) – Trama continua e polifonia concertante

____________________________________________________

Per i quadri-orario e la programmazione:

Anno Accademico 2017-2018 – Monte-orario, Quadri-orario e Presentazione del settore disciplinare COTP/01 – Prof. Mario Musumeci

Questa voce è stata pubblicata in E-learning. Contrassegna il permalink.

2 risposte a “Composizione” lez. I-4 (2018) – La fuga come genere modello barocco

  1. musicaemusicologia ha detto:

    Rispondo per l’uso in e-learning al bravo Luigi, che mi scrive:
    Buonasera, mando in allegato gli esercizi di pag. 23 n. 60-61, scritti nel Finale sulla base del lavoro svolto durante le lezioni di laboratorio.
    A presto.
    L. M.

    Buon fine settimana Luigi.

    Ho molto apprezzato il tuo impegno e proprio per questo mi è sembrato giusto darti subito qui – anche per i tuoi colleghi – dei buoni input.

    Ascolta più volte la mia versione e domandati seriamente perché è bella, ossia “ben fatta”.

    Solo dopo aver sentito il bisogno di questa domanda questa domanda capirai l’importanza dell’analisi della polifonia latente che le ho sottoposto e non solo per te ma anche per me stesso in qualche punto: dunque in parte inconscia, per me che ci sono certamente abituato, in parte perfettamente conscia, in certi aggiustamenti soprattutto in conclusione, che poi ti dirò. Solo così potrai capire meglio in questo stile epocale della trama continua come fa “il bello a strutturarsi” e dunque tu stesso poco a poco farlo diventare un fatto “naturale” (almeno in parte in parte inconscio) …

    Spero di esserti/esservi stato utile.
    Il Prof

  2. musicaemusicologia ha detto:

    Nella lezione riporto l’esempio da me rivisto.

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.