“Analisi” lez. II-1 (2017) – Inquadramento tonale generale dell’opera

di Mario Musumeci

L’impianto tonale delle diverse opere in studio monografico deve tener conto di:

A) stili armonico-tonali:

  1. le tendenze modaleggianti e le basse escursioni modulanti dell’impianto armonico-tonale in autori tardo-rinascimentali/primo-barocchi come Emilio de’ Cavalieri;
  2. il barocco contrappunto armonico associato ai fondamenti pre-armonici del  basso continuo;
  3. la classica tonalità a cadenzalità allargata per i classici, anche differenziando stilemi notevolmente diversi tra gli autori, ad esempio in Mozart (cantanti) e in Beethoven (compositori e pianisti);
  4. la romantica tonalità allargata sempre dominante nei romantici e sempre più espansa nel tardo romanticismo;
  5. la modernistico-contemporanea pantonalità negli autori del novecento.

B) caratteristiche di genere delle opere in studio (cantanti, strumentisti vari, compositori):

  1. il classico contrasto tonale fondato principalmente sulle qualità dinamiche di articolazione tra un tono d’imposto e un tono di contrapposto, al modo metaforico di un viaggio tonale nel sonatismo classico-romantico (sonate e sinfonie di L. v. Beethoven);
  2. la modernistica ricollocazione del contrasto tonale all’interno di una reinvenzione delle relazioni armonico-tonali, in vario modo più o meno marcatamente distanziati dai fondamenti sintattico-funzionali e di ordinamento gravitazionale propri del tonalismo classico-romantico, con inediti risalti delle qualità materico-oggettuali della rappresentazione sonoriale nei compositori modernisti;
  3. l’estrema varietà armonico-tonale che si specifica secondo lo stile epocale di riferimento nelle composizioni vocali cameristiche ed operistiche.

Infine ricordo che vi ho già consegnato in lezione degli esempi di schemi utilizzabili per l’inquadramento dell’architettura generale – formale, formale e tonale, retorico-formale e tonale – delle composizioni di Bach e sonatistiche. E che tanti altri sono visionabili nel mio trattato L’evoluzione retorica del pensiero mesicale

Di seguito, constatata la difficoltà di alcuni ad utilizzarli adeguatamente, espongo dei modelli di tabella belli e pronti, con i consigli utili per il loro migliore uso:

 Modelli di Schema formale

Ma tanti altri ne trovate nel mio trattato L’evoluzione retorica del pensiero musicale.

Per la lezione di verifica, tutt’ora valida, del I modulo:

“Analisi” lez. I-6 (2017) – Impianto di verifica e chiusura del I Modulo

Questa voce è stata pubblicata in E-learning. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.