“Armonia” (2015) – Impianto di verifica e chiusura del III e IV Modulo

di Mario Musumeci & company

Da questo momento questo diventa lo spazio per le verifiche a distanza del lavoro analitico di laboratorio, strettamente finalizzato all’adeguata preparazione delle due prove scritte d’esame.

Ma data la scarsa e scadente partecipazione alle suddette attività di e-learning dell’attuale gruppo-classe della prima annualità (triennio e v.o.) del mio settore disciplinare – e non riuscendo a immaginare un sensibile miglioramento al proposito – pubblico di seguito a mò di modelli sia i link delle lezioni effettuate dell’ultimo modulo dello scorso anno, sia le, ben quattro tornate d’esame a quel tempo sviluppate.

I volenterosi (che, fortunatamente, non mancano mai) sapranno trovarvi materiali utili per il loro studio e per la loro adeguata preparazione agli esami oramai prossimi. E, se richiesto adeguatamente, non farò certo mancare loro il mio supporto durante lo svolgimento di quest’ultimo modulo. Aggiungo loro che tanti altri materiali potranno rinvenire negli Archivi-e-learning di questa disciplina/annualità, cercando nei quattro anni già trascorsi di attività di supporto già svolte e dagli studenti molto meglio seguite.

___________________________________________________________

Lezioni IV modulo 2013-2014 (inclusive delle attività di verifica)

“Armonia” lez. IV-1 – La modulazione stilisticamente impiantata + I tornata di prove d’esame)

“Armonia” lez. IV-2 – Stili tonali e forma tonale

“Armonia” lez. IV-3 – Forma tonale e forma-architettura. Approfondimenti e prove d’esame III

“Armonia” lez. IV-4 – Teoria congiunta del Ritmo e della Forma (generalità)

“Armonia” lez. IV-5 – Armonia e teoria generale della musica

___________________________________________________________

Simulazioni di esame 2013-2014

Le quattro tornate di simulazione d’esame sono disposte dall’ultima (ultima settimana di maggio) alla prima e completate dal docente man mano che verranno da lui predisposte lungo il corso delle lezioni. Ciascun studente vedrà inseriti i propri interventi eventualmente inclusivi del proprio lavoro nella corrispondente tornata. Ma sarà tenuto, nel rispetto del lavoro di team con i propri colleghi e con il docente, a svolgere innanzitutto il lavoro corrente della settimana e solo dopo aver svolto per intero questo potrà eventualmente recuperare quei lavori precedenti da lui non fatti e sempre da inserire nell’apposito spazio riferito alla specifica tornata d’esame.

______________________________________________________________

IV tornata di simulazione d’esame 2013-2014 (21-31 maggio)

Di seguito il link per il reperimento delle prove della IV tornata di simulazione d’esame (quarta lezione del IV Modulo):

“Armonia” lez. IV-4 – Teoria congiunta del Ritmo e della Forma (generalità)

Ecco di seguito due soluzioni del basso continuo del Canto sacro n 62 di J.S. Bach proposte da Paolo la prima e da Alberto la seconda con le indicazioni di errori (*), imprecisioni e sviste (+):

Paolo n. 62  (con errori)

Nel frattempo Paolo ha provveduto a correggere la sua versione: si trattava per lo più di imprecisioni (accordi fondamentali incompleti), ma anche di un accordo sbagliato e di una settima non risolta (piccole cose ma che è bene non fare …).

____________________________

Alberto n. 62  (con errori)Da questo momento attendo le analisi schematiche del n. 62 e dei brani del test teorico-analitico.

Mentre del b.c. avvio la discussione sulle due soprastanti realizzazioni e sugli errori segnati: quanto non è segnato va pertanto considerato corretto e di riferimento per le altrui realizzazioni e se diversamente elaborato dagli altri studenti deve essere innanzitutto confrontato e capito, anche mediante discussione sul sito con chi ha realizzato correttamente prima che con me stesso. In tal senso ad esempio Alberto potrebbe chiedere a Paolo circa i passi che lui trova segnati in errore e invece Paolo trova corretti; e viceversa …

_________________________________

Di seguito l’elegante realizzazione dell’analisi schematica del n. 62 da parte di Alice, che metto subito in discussione. Senza minimamente correggerla, anche se devo almeno osservare la confusione che lei fa tra l’accordo di re maggiore ed un tono a cui lo stesso fa riferimento: un conto è il singolo accordo, un altro è la sua funzione nel contesto tonale di appartenenza … E peraltro si tratta di un tono anche facilmente prevedibile tra i toni più vicini all’imposto di Sib.

Proprio dalla migliore comprensione di questa cadenza (e della forma tonale del rispettivo versetto) nonché di quelle affini che le sono vicine, associate poi alle cadenze ad esse contrastanti, si ricava una delle principali chiavi per l’analisi del significato musicale.

Che comunque Alice tenta di scandagliare tramite delle intuizioni anche argomentate circa la condotta melodica, ma senza una visione ancora del tutto completa:

prima si capisce tutto ciò che la musica ha da dirci e solo poi si tenta un’analisi compiutamente retorica e dunque estetica.

Pur non di meno è il primo serio tentativo che vedo compiere in tal senso e mi tocca rispettarlo, proponendolo a tutti come un buon punto di partenza.

analisi schematica  n  62 (Alice)

La seguente correzione di Paolo corregge l’errore precedente

ANALISI PROVA 4

ma non dà ancora conto – come ad esempio già visto per il precedente n. 37 – delle relazioni tra versetti e strofe (o tra emistichi e versetti …): è così difficile relazionare qui il carattere interrogativo/sospensivo del primo al secondo? E dunque la successiva “trafila” di ben tre versetti in cadenza sospensiva, di cui il terzo al relativo minore, e con successivo esito di chiusura del tutto analogo al precedente? Vedremo di approfondire in lezione, anche se una chiarificazione più definitiva, circa la qualità rappresentativa dei significati musicali annessi al testo poetico-sacro ed una conseguente analisi estetica del Canto sacro n. 62 di J.S. Bach, sembrerebbe già abbastanza vicina.

Uno schema algoritmico dell’elementare logica formale in questione potrebbe essere:

ax1 –> ay   +   ax2 (minore) – ax3 – ax4 –> ay

Dove x costituisce la protasi e y l’apodosi della discorsività armonico-tonale, mentre acon numerica successiva ordinativa la quantità reiterante del primo fattore (x). Si tratta allora di specificare la qualità insistente, in chiusura, di ay (sempre lo stesso!). E, in stretta concomitanza, la varietà degli  ax, tale da poterli configurare episodicamente nella qualità della loro maggior o minore diversità, almeno all’inizio: ax, bx, cx, dx. Salvo ripensamenti nel caso di qualificazioni per similitudine tra alcuni di loro … Ad esempio axb1xb2x, ax.

Da qui (ma anche partendo da un altro ragionamento certamente …) non si può ricavare una strutturazione ternaria dell’intero brano?

A (ax – ay)   +   B (bx1 [minore] – bx2)   +   A (ax – ay)

Spiegato – e ben compreso – secondo logica formale il processo di identità-contrasto sapreste ulteriormente applicarlo tramite l’analisi delle specificità melodiche alla forma tonale e dunque rapportare il tutto ai connessi significati testuali, per come valorizzati dalla musica? In fondo approfondendo quanto già suggerito in parte dai bravi Alice e Paolo?

______________________________________________________________

III tornata di simulazione d’esame (14-17 maggio)

Di seguito il link per il reperimento delle prove della III tornata di simulazione d’esame (terza lezione del IV Modulo):

“Armonia” lez. IV-3 – Forma tonale e forma-architettura. Approfondimenti e prove d’esame III

Ecco di seguito una soluzione del basso continuo del Canto sacro n 37 di J.S. Bach proposta dal bravo Paolo e da me riveduta nei pochi errori, tenendo conto anche della versione diligentemente proposta da Angelo:

b.c. n. 37 (1)Il sol bemolle era sol diesis ovviamente … E indico pure i tratti ornamentali (note estranee all’armonia del canto) di cui si può fare a meno nel raddoppio della tastiera. Così producendo la seguente versione, scritturalmente ed artisticamente migliore con minime, e discrete, libertà …:

b.c. n. 37 (2)Giunti a tal punto piuttosto che rifare lo stesso lavoro chi fin’ora non ha partecipato confronti il proprio lavoro con quanto prodotto e semmai intervenga comparando differenze, chiedendo consigli ed esprimendo opinioni costruttive su quanto fatto, anche nei termini di eventuali miglioramenti.

Ecco, anche se ancora da completare nell’analisi melodica e del rapporto testo-musica, due relazioni schematiche del brano bachiano, di Paolo la prima e di Angelo la seconda:

  1. comparatele;
  2. evidenziatene eventuali errori o carenze, fino alla correzione definitiva da me guidata (che comunque vedrò di chiarire e completare in lezione-laboratorio);
  3. proponete e discutete gli approfondimenti mancanti.

analisi schematica b.c. n.37 - Paolo

Angelo:

b.c. n. 37 - analisi (Angelo)

Pertanto – dato che da questo momento si procede, e come di regola, solo come spiegato sopra –  stop all’invio di nuove proposte di realizzazione e di analisi del b. c.; semmai proponetemi l’analisi schematica dei brani del test.

______________________________________________________________

II tornata di simulazione d’esame (7-10 maggio)

Di seguito il link per il reperimento delle prove della II tornata di simulazione d’esame (seconda lezione del IV Modulo):

“Armonia” lez. IV-2 – Stili tonali e forma tonale

Ecco di seguito una soluzione del basso continuo del Canto sacro n 7 di J.S. Bach proposta dal bravo Angelo e da me chiosata negli errori: qualcuno di voi saprebbe correggerli?

B.C. 7 - Angelo-con errori

Piuttosto che correggere il lavoro già fatto meglio qualcuno ha preferito riproporlo del tutto.

Nel caso di Paolo svolgendo un’elaborazione forse encomiabile per l’impegno (anche svolto durante l’anno) ma stracolma di errori (e non è certo uno dei più difficili lavori dati agli esami), al punto che ho dovuto indicarvi solo gli errori ma non specificarli:

Paolo - Bach n  7 (con errori)Gli consiglio piuttosto che ricominciare daccapo di confrontare il proprio lavoro con quello svolto precedentemente da Angelo e anche con quello  seguente già migliore proposto da Fryderik, per capirne al meglio errori e imprecisioni:

Fryderik- Bach n  7E solo successivamente di confrontarsi con la mia versione corretta (poche cose veramente importanti) di quella di Fryderyk:

Fryderik- Bach n  7 (revisione)Concludo questo ciclo osservando che, a questo punto, avendo pubblicato una soluzione corretta è del tutto inutile continuare revisionare versioni svolte da altri studenti se non almeno fatte con perizia ed in una maniera accettabile e soprattutto diversa da quella corretta da me prodotta: anche se nella correzione generalmente ho seguito criteri non di personale creatività ma di essenzialità, appunto ad evitare e ad evitarvi di indurre in errori di scuola. Nel caso del n. 65 ho svolto una realizzazione “artistica” ma imitarla senza saperne fare prima una “di scuola” significa … tentare il suicidio anzitempo … 🙂

Dunque non ci provate neppure! Pensate solo a studiare il lavoro qui svolto e semmai a fare buone domande in proposito.

Attendo a questo punto soluzioni complete e compiutamente schematizzate (vale anche per Paolo) dell’analisi del n. 7 e pubblico per adesso solo questa di Angelo, anche se incompleta e suscettibile di vari miglioramenti, che farò in classe:

Analisi del Canto sacro n. 7 di Angelo S.

“Le cadenze armoniche che chiudono ciascun versetto sono: la cad. comp. cons., la cad. comp. sempl.

Gerarchia delle cadenze dalla più affermativa del tono d’imposto alla meno:

cad.comp.sempl. (ultima battuta)      cad. comp. Cons. (sesta battuta)     cad. perf. Sempl.  (seconda battuta)   cad. comp. Diss.  (ottava battuta)       cad.cop.sempl.  (quarta battuta).

Gli accordi dissonanti utilizzati sono:

Accordo di La semid.  III specie in primo rivolto ( inizio seconda battuta)

Accordo di Dom/S   II specie in primo rivolto  ( inizio quarta battuta)

Accordo di Solm/S    II specie in terzo rivolto ( settima battuta)

Accordo di Rem/S     II specie in stato fond.                “

Accordo di Solm/S    II specie  in stato fond.                “

Accordo di FaS           I specie in stato fond.       ( nona battuta)

Accordo di ReS           I specie in primo rivolto   ( decima battuta)

Accordo di  La semid.  III specie in primo rivolto ( ultima battuta).

Basta analizzare la composizione notiamo subito  la fluidità e l’effetto che si viene a creare  con le  note estranee alla stessa a partire dalle note di passaggio, di volta e per finire con  l’anticipazione che sul profilo ritmico si ha la sensazione di “spinta in avanti”.

Se proviamo a cantare la terza e la quarta battuta notiamo che non c’è  differenza melodica rispetto alle prime due, e cioè la terza e la quarta comincia con un’intervallo di terza minore rispetto alle prime due battute tranne la croma RE (nota di pass.)

Anche se la composizione porta due bemolli in chiave ( sib e mib), a volte  non è detto che la tonalità debba  corrispondere …  In questo caso diciamo che cade tutto a pennello, il tono d’imposto è Solm, il tono alternativo è SibM (relativo tono d’imposto); non c’è a mio parere un nesso modulante, tranne il tono alternativo SibM (relativo).

Per concludere, leggendo il testo ho notato la fermezza  e la sicurezza che il compositore possiede nell’esprimere la sua immensa gratitudine nei confronti  del Signore mettendo appunto in risalto la sua grandezza (cad. perf.).  Nel tono Solm che modula nel proprio relativo SibM,e precisamente nella settima battuta, si sente questa apertura gioiosa  dando luce ad una  conclusione sofferta ma allo stesso tempo di liberazione.”

______________________________________________________________

I tornata di simulazione d’esame (30 giugno-3 maggio)

Di seguito il link per il reperimento delle prove della I tornata di simulazione d’esame (prima lezione del IV Modulo):

“Armonia” lez. IV-1 – La modulazione stilisticamente impiantata + I tornata di prove d’esame)

Ecco di seguito una soluzione del basso continuo del Canto sacro n 65 di J.S. Bach proposta da Fryderick:

continuo realizzato (Fryderick) - Bach canto sacro n. 65e, qui appresso, revisionata dal docente:

continuo revisionato (docente) - Bach canto sacro n. 65

e, ancora. un’analisi schematica svolta dal docente in lezione di laboratorio:

Analisi schematica canto sacro 65 J.S. Bach

di cui si suggerisce di approntare l’elaborazione discorsiva della legenda, a titolo di autoverifica individuale della propria capacità di orientarsi al meglio nelle risposte ai quesiti analitici, numerati nell’esempio dall'[1] al [5]:

LEGENDA

[1] toni d’imposto e di modulazione:

……………………………………………………………………………………………………………………….

[2] tipi di cadenze e loro gerarchia:

……………………………………………………………………………………………………………………….

[3] analisi melodica dei profili melodici dei sei versetti:

……………………………………………………………………………………………………………………….

[4] note estranee all’armonia e loro specifico risalto figurativo:

……………………………………………………………………………………………………………………….

[5]  corrispondenze tra il ricostruito e compiuto processo formale – o anche tra i suoi significativi particolari sopra rilevati – e i significati del testo poetico sacro. Conseguenze sulle più appropriate rese performative in sede di esecuzione-interpretazione:

……………………………………………………………………………………………………………………….

Ecco di seguito una realizzazione di Angelo, che stavolta presento innanzitutto con le specifiche indicazioni degli errori, così che lui come tutti quanti voi possiate rendervene conto (uno dei più famosi filosofi del ‘900, Karl Popper, sosteneva più o meno con la sua “teoria della falsificabilità” che proprio grazie all’individuazione dell’errore – grazie all’atteggiamento critico (e non puramente dogmatico, tipico dell’accademia ufficiale) – unica vera fonte di scientificità – assieme ovviamente alla sua miglior valutazione ed alla sua correzione, si procede nella vera conoscenza!)

B.C. 65 - Angelo-con errori

Ecco di seguito una mia correzione tradizionale; ottima per gli esami, in prospettiva dogmatica accademica:

B.C. 65 - Angelo-revisione

Ecco di seguito anche una mia conseguente realizzazione artistica; finalizzata semmai alla qualità più alta della performance, in prospettiva creativa ma congruente all’analisi estetica svolta in classe di laboratorio:

B.C. 65 - Angelo-realizzazione artistica


Di entrambe vi invio i file midi per l’ascolto e consiglio di studiarle gradualmente passo passo proprio nell’ordine proposto, fino a capire esattamente quello che è stato fatto. Ma anche al contempo ad esercitarsi facendo altrettanto, soprattutto nella prospettiva di scuola, più che sufficiente almeno per adesso (non c’è vera creatività senza l’acquisizione propedeutica della tecnica …).

*****

Appendice: lavori esemplari della prova compositivo-analitica (Basso continuo e analisi dell’Aria-Corale), svolti nei precedenti A.A.

Materiali di studio utilizzabili aggiuntivamente dai più volenterosi e auto-verificabili per la presenza contestuale e successiva delle soluzioni. Ma pure con la contestuale precisazione di ogni consiglio utile per lo studio individuale.

Simulazione d’esame n. 1

La simulazione è rivolta a tutti, ma in particolar modo a coloro che, avendo sostenuto in maniera proficua la frequenza minima prevista, saranno ammessi agli esami (ciò sarà possibile verificarlo compiutamente solo a fine maggio).

I seguenti materiali sono da stampare e realizzare pulitamente e consegnare compilati per intero al docente – il quale solo in tal modo potrà consigliare ciascuno circa le possibili carenze individuate e da ovviare e l’effettiva qualità e adeguatezza dell’impegno profuso e da profondere; e poi da verificare sulla base di modelli di auto-correzione appositamente approntati dal docente, ma solo al momento della compiuta consegna da parte di tutti i futuri (probabili) esaminandi.

Ovviamente tale lavoro prevede la contestuale pratica di studio e approfondimento pratico di tutto il programma svolto, sulla base sia del testo in uso che di tutti i materiali di E-learning prodotti sul sito, nonché delle eventuali registrazioni delle lezioni, sempre autorizzate e anzi caldamente consigliate dal docente.

Questo lavoro peraltro sarà utile anche ad affrontare la seconda prova orale, consistente o nella discussione dei materiali di lavoro positivamente prodotti lungo il corso delle lezioni o in una prova di analisi di un brano del più vasto repertorio musicale sorteggiato seduta stante:

La prova scritta consiste:

a) in un test teorico-pratico, come il seguente:

 Test 1

b) integrata da una prova scritta di realizzazione di un basso continuo di facile-media difficoltà e di contestuale risoluzione di un questionario di analisi melo-armonica dello stesso, come la seguente:

spunti-analitici-per-bach-canto-sacro-7

di seguito il b.c., in chiavi moderne, pronto per la realizzazione (via e-mail verrà inviato a tutti lo stesso in formato Finale 2006):

bc esame (facile) – Bach n. 7 Canti sacri

Materiali di soluzione delle prove:

1) Uno schema analitico melo-armonico del Canto sacro n. 7

Canto sacro n. 7 - Schema analitico

2) Una mezza realizzazione del relativo basso continuo, a partire da una armonizzazione di Roberta:

bc – Bach n. 7 – revisione parziale

3) Di seguito i link per altri modelli di analisi schematica compiuta di Arie e Canti barocchi di cui in classe abbiamo realizzato il Continuo:

Armonia-Analisi I/Modelli di analisi melo-armonica schematica/1

Simulazione d’esame n. 2

Spunti analitici per Bach – Canto sacro 2

bc – Bach n. 2 Canti sacri

Simulazione d’esame n. 3

 Spunti analitici per Bach – Canto sacro 14

bc – Bach n. 14 Canti sacri

Pubblico le interessantissime soluzioni schematiche dell’analisi di (…), ma senza le mie compiute correzioni e revisione (salvo qualche miglioramento linguistico-lessicale), nell’attesa di altre soluzioni da comparare argomentativamente a questa e, soprattutto, della congruente realizzazione compositiva del basso continuo:

Smeralda Nunnari Analiis n 14

Smeralda ultima domanda – analisi canto sacro 14 :

7) Nel I versetto alla chiusura armonica corrisponde quella melodica, che continua nel secondo verso, caratterizzato da una sospensione – interrogazione melo-armonica, quasi retorica, dove si asserisce con certezza l’unicità e l’impareggiabilità della presenza divina. Nel II versetto come nel primo, possiamo riscontrare una chiusura dal punto di vista melodico ed armonico. Invece, nel IV versetto troviamo un’altra sospensione, che corrisponde alla richiesta di ottenere la potenza dello stesso Spirito divino, affinché possa cantare nel nome di Gesù e, per Suo tramite, questo canto possa essere gradito da Dio, chiudendo così risolutamente con due cadenze perfette.

Per quanto riguarda la resa esecutiva: il primo versetto deve essere eseguito, secondo me, inizialmente piano, per poi raggiungere l’apex nello “…ho…” e continuando sul forte, sulla parola “singer”; il secondo con un forte, crescendo fino al fortissimo, a chiusura del versetto. Il successivo restando nel fortissimo. Il quarto deve essere realizzato con un piano improvviso, arrivando al mezzoforte. Il quinto con un crescendo di forza, che culmina nel sesto ed ultimo  versetto

Nella realizzazione degli ultimi tre versetti deve risultare in definitiva un crescendo di grandezza e potenza, tali da sembrare che l’autore venga esaudito, nell’immediatezza, dalla dichiarata esaltazione della presenza divina.

Realizzazione revisionata del b.c.:

bc – Bach n. 2 Canti sacri Smeralda – revisione

bc – Bach n. 14 Canti sacri Smeralda – revisione

____________________________________________________

*****

Infine, per chiudere queste lezioni del corso accademico 2014-2015 mi piace riprendere, in link, un breve articolo a suo tempo pubblicato in questo sito: utile per quanti di voi reputino importante la musica per il loro futuro. Buona lettura e … buona comprensione!

https://musicaemusicologia.wordpress.com/2011/02/17/musicisti-che-suonano-leggendo-e-musicisti-che-suonano-ascoltando-aporia-formativa-o-questione-metodologica-verso-una-rifondazione-della-conoscenza-e-della-formazione-musicale-generale-e-specialisti/

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in E-learning. Contrassegna il permalink.

2 risposte a “Armonia” (2015) – Impianto di verifica e chiusura del III e IV Modulo

  1. angela pistone ha detto:

    prof.buona sera…se ben con un po di ritardo le invio l’esercio da lei proposto come prova esame!! attendo le sue correzioni… scusi per il ritardo buon fine settimana!!!

  2. musicaemusicologia ha detto:

    Ho rapidamente ricopiato il suo lavoro in un altro file correttamente impostato (scrittura rossa di seconda voce a parte …) e l’ho revisionato. Per trarne vantaggio, nei termini della miglior comprensione possibile, lei deve prima ascoltare il suo file originario, poi questo “riposizionato” che le allego e infine la mia revisione. Solo dopo un paio di attenti ascolti per capire quanto più possibile con l’orecchio a livello comparativo, proceda dopo con la vista a comparare bene per scoprire lei stessa gli errori di armonia compiuti; soffermandosi solo all’ultimo sulle “clausole di stile”, ossia su quei piccoli accorgimenti (raddoppi di note ornamentali da evitare …, qualche aggiunta espressiva di note estranee in concordanza con il basso …) che creano la bellezza dell’insieme nella mia pur semplice revisione.

    A presto.
    MM

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...