Amore coniugale e poesia della quotidianità

di Mario Musumeci

La poesia è certo un cosa seria, in quanto attività pertinente la cura creativa dell’interiorità umana e del suo proiettarsi fantastico in forme di riflessione metaforica sull’esistenza; un’attività fondamentale per la formazione di persone affettivamente mature, ossia avvezze alla pratica attiva del controllo espressivo delle proprie passioni, dei propri sentimenti, delle proprie emozioni … Eppure essa può, pure con tutta la dovuta serietà d’impegno, esprimersi anche con leggerezza e dunque con ancor più ludiche modalità scherzose e giocose.

L’occasione può essere allora anche la ricorrenza di un ventennio di consolidato legame affettivo tra due coniugi: me stesso e la mia splendida moglie Sara. E la pubblicazione va considerata come un generalizzato atto di generosità: chi vuole potrebbe fare suoi i pensieri così espressi e, addirittura cambiando nomi e modificando qualche passaggio, riadattarli al proprio bisogno espressivo. I riferimenti colti (a Cecco Angiolieri nell’incipit, alle diverse figure di poeti dell’amore) sono scherzosi e certo non mancanti di rispetto, se considerati solo nei limiti accettabili di una satira minima. E gli esempi proprio nel mio vernacolo isolano (un tantino letterarizzato/italianizzato) non mancherebbero, a partire da Nino Martoglio e Domenico Tempio. Il resto, in tutta semplicità, è solo un attaccamento alla quotidianità; ma ad una quotidianità che si intende in qualche modo celebrare come un valore, per chi almeno così è volenterosamente in grado di sentirla.

18/20 aprile 2015-04-21

 A mè puisia

(pp’a mè primavera)

Sara

S’i fussi Omero anticu chi cunta ‘a bedda Elèna

dicissi a lu so amicu: “tradisti e chianci pena!”

Vardannu Dante ‘u Vati puitari a sò Beatrici

spiassi: “ma arrivati poi a essiri filici?”

 

Pinsannu a Scheckspeari: “Giulietta porti a morti,

ma allura ppi l’amuri ci voli ‘a mala sorti?”

Parrannu a Giacominu: “Leopardi, a Silvia tristi,

pueta supraffinu, mai nenti ci facisti?!”

 

Iu: Mariu sugnu e restu e a Sara, lestu lestu,

ci cantu a mè puisia: “tu sì ppi sempri mia!”. *

Si ‘ntonu ccu lu sonu ci iunciu appressu ‘u gestu

pirchì si tu ami bonu ci voli puru ‘u restu.

 

(cummentu)

Da aprili a tuttu maggiu: vint’anni di zitaggiu,

a dicembri arrivammu e frischi ni spusammu.

T’amai tutti li jorna, nun fici mai li corna,

lavai sempri li piatti, ‘nvintai cosi di matti …

 

Si m’ami t’arricrii pirch’iu nun staiu carmu:

cartigghiu a notti e ‘u dìi, filici ‘n tuttu l’armu.

Ti rialu ‘a mè puisia, paroli e puru cosi

 cunsati d’alligria, ora ca semu sposi!

_____________________________________

* [N. B. : recitazione intonata di questo emistichio virgolettato]

****

Concetti analoghi possono esprimersi in maniera diversa, più seria e magari anche con indiretto ma empatico riferimento a chi questa gioia non ha la fortuna di vivere o di saper mantenere. Così in una serenata scritta per un’altra importante occasione e sullo stimolo della domanda retorica di una nostra intima amica, ideata (“provocata”) a partire da un pensiero, sempre in poesia vernacolare, espresso per il compleanno della di lei sorella (cfr. in “Sissant’anni” (Sessant’anni) – Inno (scherzoso) all’età che avanza). Più o meno il pensiero era: “… e cosa arriverai a scrivere allora per Sara …?” Ecco quello che mi è capitato di scrivere, ma con ben altro tipo di coinvolgimento emotivo:

a Sara/Susi (Belfiore) “beddu ciuri”

 

Madrigale: 

Puisia e amuri

 Sara-Primavera

Cuminciai a fari puisia ppi pparrari di l’amuri,

‘nnammurannumi di tia m’addunai du granni erruri.

Li puisii su’ spina e rosi, ma l’amuri mancu sgherza

e a cunfunniri li cosi la passiuni si fa persa.

Certu ‘na puisia pripara e l’amuri pui rializza,

ma di senza idda è amara e privatu iddu s’appizza.

 

Ju ti scrissi “fiabi rari”: sunu, nt’i li virivirì,

chiddu ca di tia m’appari quannu ’nsertu comu tu sì.

“Sì ‘a cchiu rara”, ancora ‘u vidu, “di li perli luccicanti,

di lu meli sapuridu, d’i carezzi di l’amanti.” *

‘A me fimmina da aviri ca canusciu sulu a tia,

comu pozzu allura diri ca ppi mia è sulu … puisia?

 

Dunu a tia paroli duci, ma abballari vulissi ccà.

Di lu cori sì ‘a me luci, lu ripetu a tarattattà:

“sì ‘a cchiu rara”, e sempri ‘u vidu, “di li perli luccicanti,

di lu meli sapuridu d’i carezzi di l’amanti.”

‘A me fimmina da amari ca ju pensu sulu a tia,

comu pozzu dichiarari ca ppi mia è sulu puisia!


Si, amari è dari e aviri e puitari è aviri e diri:

pussidiri ’n beddu ciuri e nun farlu mai appassiri;

si, nun farlu mai appassiri.

 

                                                 (Febbraio-Marzo 2014)

* N. B. : i due versi virgolettati costituiscono un’autocitazione da una poesia scritta quasi vent’anni anni prima al momento del nostro primo innamoramento. Eccone il riferimento:

Puisia e amuri (depliant con foto matrimonio p.1)

_____________________________________

La durata più lunga di gestazione non è certo riferita alla poesia. Questa “doveva essere una serenata” e subito appresso ne è stata così approntata pure la musica – confezionata a suo tempo a mò di bomboniera per gli invitati-ascoltatori partecipi. Un’aria per canto baritonale (il mio timbro e la mia estensione vocale) e accompagnamento figurato e contrappuntistico di liuto (reso da una tastiera digitale suonata dallo scrivente) – a richiamare atmosfere in qualche modo rinascimentali e … “stilnovistiche”:

Mario Musumeci (2014) – Puisia e amuri (Madrigale siciliano)

Una musica scritta ed eseguita per l’occasione anche in più di una versione: oltre quella liederistica più breve e più essenziale anche un’altra ampliata con l’uso di orchestra d’archi  – eccone la versione anch’essa stampata, ma in verità abbozzata molto più in fretta e in furia (oltre che nascostamente, per l’effetto sorpresa poi pienamente riuscito) in un periodo dell’anno tutt’altro che esente dai vari impegni lavorativi di routine:

M. Musumeci – Puisia e amuri (Partitura con archi) ;

e, in ulteriore integrazione, anche di un gruppo folk, a sottolineare il carattere volutamente molto più leggero e “nazional-popolare” della terza strofa utilizzata come un variato secondo ritornello (Donu a tia paroli duci):

M. Musumeci – Puisia e amuri (estratto folk Partitura) .

Eccone infine una versione con gli accordi per la chitarra ritmica:

Puisia e amuri con accordi

****

Questa voce è stata pubblicata in Attività artistiche e culturali, etica e cultura, Musica e cultura, Poesia della vita. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.