Idee per il rinnovamento del sito

Ricevo la sua seguente lettera e di seguito rispondo (la pubblicazione sul sito – come per altri casi – corrisponde un pò alla bottiglia lanciata dal naufrago nell’oceano con un messaggio all’interno che si spera da qualcuno/qualcun altro validamente letto e fattivamente compreso)

“Gentile Sig. Musumeci,

Mi chiamo (omissis), sono un giovane diplomando in chitarra classica presso il conservatorio di Bari.
Ho trovato per puro caso il suo blog facendo delle ricerche inerenti la BWV 998 e ne sono rimasto estasiato per la vastità e la qualità dei contenuti; ho potuto inoltre constatare che la sua è, se non l’unica, una delle pochissime realtà di blog musicologici e musicali in Italia con un cospicuo audience.
Da queste osservazioni mi è nata l’ardita idea di farle una proposta, che sia anche solo un argomento di discussione, inerente al suo blog.
Negli ultimi 5 anni ho sviluppato competenze nel campo dell’ IT in particolar modo orientate al web (in soldoni ho studiato programmazione a diversi livelli e in seguito partecipato e dato vita a diversi progetti), premetto questo per dare credito alle seguenti osservazioni:
il suo blog per quanto curato nei contenuti non è supportato da un’altrettanta cura estetica e formale che permetterebbe ai visitatori una migliore fruizione dei contenuti stessi e che darebbe senz’ombra di dubbio una forte spinta alla crescita del blog. Io sarei in grado di offrirle, con la sua approvazione, innanzitutto un progetto strutturato di espansione del blog e in secondo luogo la realizzazione e la cura dello stesso.
Mi dirà che nulla è gratuito in questo mondo, e in effetti è vero: generalmente non offro la mia consulenza informatica e la mia disponibilità a contribuire gratuitamente a progetti non miei, ma il suo è un caso particolare per diverse ragioni. Sono svariati mesi che cerco la forza di volontà per lanciare una mia realtà nel mondo dei blog per sfruttare tutte le mie competenze acquisite negli anni, sono un musicista ancora diciottenne con alle spalle già una trentina di esecuzioni solistiche e in formazione da camera quindi la musica sarà sicuramente ciò di cui mi occuperò in futuro e inoltre sono probabilmente orientato in un futuro prossimo a frequentare la facoltà di musicologia di Cremona avendo all’interno una serie di contatti. Queste tre di molte altre ragioni che mi spingono a proporle una collaborazione o, mi ripeto, anche solo a discuterne.
Con la speranza di avere a breve una sua risposta,
Distinti saluti.”

________________________________________________________________

RISPOSTA

Gentile (omissis),

la proposta che mi sta facendo è tanto interessante quanto spiazzante, data la sua giovane età: 18 anni hanno mediamente – e sempre più eccezionalmente – gli studenti più giovani dei miei corsi di triennio accademico (e di corso tradizionale sperimentale ad essi equiparati). Dunque dovrebbe innanzitutto dimostrarmi nella maniera più fattiva in cosa può realmente essermi utile per migliorare il frutto del mio (quasi) solitario, duro e soprattutto gratuito (… 🙂 ) lavoro. E ovviamente sarò attentissimo se la cosa potrà in qualche modo coinvolgermi.

Consideri che (ma forse per capire meglio chi sono dovrebbe scorrere il mio curriculum professionale, abbastanza atipico per un docente dell’accademia musicale: lo trova nella rubrica Riferimenti):

1. il sito-blog nasce tre anni fa – grazie all’input fattivo di un affettuoso conoscente che mi ha dato le dritte per la gestione personale nella maniera più semplice possibile – con lo scopo immediato di servire per l’e-learning ai miei studenti (da cinque corsi stabili di triennio e biennio a sette, considerando due facoltativi di biennio!) e per la correlata ininterrotta attività di ricerca scientifica e metodologico-didattica (come forse saprà, diversamente che per gli istituti universitari, si tratta della cenerentola dei conservatori musicali, seppure attualmente riformandi in ISSM);

2. tutto quanto afferisce alle più importanti altre rubriche è di contorno più o meno prossimo al precedente scopo: o si relaziona alla mia aggiuntiva e pregressa attività di docente formatore per insegnanti di ogni ordine e grado scolastico o alla mia altra aggiuntiva attività di informazione sulla legislazione e normativa di ambito scolastico e accademico-universitario; altre rubriche, diciamo, più “leggere” e fuori-tema (musical-musicologico) costituiscono solo una ricreazione personale dagli impegni lavorativi;

3. l’ambizione che coltivo tutt’ora è quella di una rivista scientifica on line aggregata al sito o addirittura in sua sostituzione: sono tanti, veramente tanti i lavori scientifici di pregio prodotti nell’attività laboratoriale dei miei corsi teorico-analitico-compositivi, non adeguatamente pubblicati ed accumulati in circa 35 anni di insegnamento accademico, e prima di mettermi in pensione non mi dispiacerebbe dare loro un rilievo più consono. Assieme ovviamente alle collaborazioni di vari altri studiosi amici e conoscenti che – venuta meno l’attività di supporto editoriale ed informativo della SIdAM – sono rimasti “orfani” di una guida e di un indirizzo per un valido impegno consociativo.

In definitiva però io non so cosa lei sappia, pure in quanto barese o comunque pugliese, della oramai mitica Società Italiana di Analisi Musicale fondata dal pugliese (milanese “naturalizzato”) Marco de Natale – capo-scuola e padre nobile di questo settore scientifico di strategica importanza per la connessione tra studi musicologici (-storici …) e musicali (-pratici …).

Non so neppure cosa sappia di me: siciliano ma che pure ha iniziato la sua carriera accademica oltre un trentennio fa – pensi un pò! – proprio al conservatorio barese (di cui lei mi dice di essere attualmente studente) e che del magistero denataliano sono generalmente ritenuto – molto a ragione, un pò a torto … – il più fedele continuatore; quanto meno come pioniere e decano del settore scientifico-disciplinare specifico. Ed il sito ne costituisce diretta e consistente testimonianza pur con tutti i suoi – per me anche evidenti – limiti.

Capirà pertanto che si assume una responsabilità non da poco nel porsi come interlocutore nei miei confronti.

Pure io amo la gioventù e me ne sento – dato il mio lavoro – costantemente partecipe quanto ad aneliti di innovazione e per problematiche di mutazione epocal-generazionale.

Amo meno la sfrontatezza e la presunzione, ma sono qualità difficili da distinguere in chi ha idee innovative da far valere: io stesso, da giovane, apparivo forse un tantino sfrontato e presuntuoso a coloro, meno giovani di me, che non capivano la mia prepotente ma generosa carica innovativa (in questo sicuramente molto simile all’amico e Maestro Marco de Natale) …

Lei probabilmente come “nativo digitale” potrebbe insegnarmi qualcosa di interessante. Vediamo dunque se è in grado di dimostrarmelo!

Auguri comunque per la sua carriera di studio e musicale in particolare.

Prof. Mario Musumeci

Questa voce è stata pubblicata in E-learning, Forum, Lettere al/dal sito, Marginalia. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.