L’uso appropriato dell’E-learning

Riceviamo e volentieri pubblichiamo la seguente cortesissima e gradita mail. Spedita all’indirizzo mario.musumeci@tin.it, al quale si può rivolgere qualunque interessato, oltre che postando, se preferisce, i propri interventi in coda all’articolo di riferimento.

E cogliamo lo spunto per chiarire che la rubrica E-learning è innanzitutto rivolta stabilmente – a ridosso di una prima “timida” ma consistente esperienza di e-learning svolta con gli studenti del corso di Teoria (generale) della musica presso il Dams messinese nell’A.A. 2009-2010 – agli studenti dell’Istituto superiore degli studi musicali “Conservatorio A. Corelli” di Messina; e in particolare, almeno al momento, ai frequentanti dei sette corsi di studio lì tenuti dal Prof. Mario Musumeci; di triennio accademico (per come equiparati in approfondimento alla disciplina sperimentale che nel detto Istituto ha una storia di almeno un quarto di secolo) e di biennio accademico:

  1. Teorie e tecniche dell’armonia (già Teoria dell’armonia e analisi I, già 1° anno di Teoria e analisi musicale); abbreviato per comodità in Armonia oppure Analisi I
  2. Fondamenti di composizione (già Teoria dell’armonia e analisi II, già 2° anno diTeoria e analisi musicale); abbreviato: ComposizioneAnalisi II
  3. Analisi del repertorio musicale (già Analisi della letteratura musicale di repertorio, già 3° anno di specializzazione di Teoria e analisi musicale); abbreviato: Analisi III
  4. Analisi delle forme compositive I – Teoria dello stile; abbr.: Stile I
  5. Analisi delle forme compositive II – Analisi dello stile; abbr.: Stile II
  6. Metodologia dell’analisi e fenomenologia dell’interpretazione I – corso di base; abbr.: Interpretazione I
  7. Metodologia dell’analisi e fenomenologia dell’interpretazione II – corso monografico; abbr.: Interpretazione II

La consultazione delle lezioni di ciascun corso è perciò riferita solamente ai materiali messi a disposizione di ciascun studente, dunque utili solo come supporto della viva lezione: solo all’interno di quest’ultima l’esemplificazione musicale, con canto, gesto, suono vivo (pianistico, ma non solo) e suono registrato (nel più ampio possibile raggio d’azione culturale) e le più varie tipologie di immagini etc., rendono di gran lunga meglio l’idea di quanto verbalmente altrettanto ben concettualizzato.

Comunque le dette lezioni sono ancora pubblicate sul sito nell’ordine della loro stessa produzione: basta utilizzare il tasto “post più vecchi”, per andare indietro nel tempo (ciascuna pagina non contiene più di dieci titoli) e cercare i titoli nell’ordine numerico (ma …all’indietro).

Infine: a partire da novembre, inizio ufficiale dell’Anno Accademico, tutte le lezioni presenti nel sito e già utilizzate nell’A.A. precedente verranno una a una riformulate e gradualmente sostituiranno le loro versioni precedenti, anche nell’ordine numerico di produzione effettiva.

In quel momento chiunque lo desideri potrebbe collegarsi periodicamente alla detta rubrica e seguire autodidatticamente le lezioni, con tutti i limiti segnalati e dunque solo per come commisurabile alle capacità di ciascuno; di dette lezioni ricomincerò ad esporre rinnovati i materiali di studio.

La cosa è del tutto gratuita: fin’ora mi considero sufficientemente pagato in quanto già stipendiato dallo Stato … (1)

(1) N.B.: … o meglio: dalla Comunità nazionale di cui lo Stato costituisce l’unica legittima emanazione e rappresentazione; sebbene con i tempi che corrono parrebbe che il senso dello Stato e dello Stato-Comunità ce l’abbiano solo  …i fessi (ma ride bene chi ride ultimo).

**********************************

Buon giorno Maestro Musumeci!

mi chiamo Luigi Malinconico (età: 59) e ho studiato e studio pianoforte a livello amatoriale (ma starei a un livello tra l’8° e il 10° anno). Ho trovato per caso il suo sito Musica e Musicologia, e ne sono rimasto semplicemente ENTUSIASTA !!!!!!

Finalmente un sito fatto da professionisti e di altissimo livello.

Da qualche anno mi dedico allo studio dell’Armonia,  e ho dovuto constatare, sia sulla base della mia esperienza personale che sulla base di scambi di vedute con amici e conoscenti,  che in Italia l’insegnamento dell’Armonia e dell’analisi musicale sia a livelli molto bassi se non addirittura inesistente. Per me è inconcepibile che studenti di pianoforte degli ultimi anni di conservatorio, o anche diplomati, per non parlare poi degli insegnanti, non abbiano nemmeno le nozioni elementari dell’armonia e dell’analisi armonica ( e  quelli, tra i docenti,  che le hanno, se ne guardano bene dal diffonderle, per  ovvi motivi …).

Ci sono studenti che arrivano alla fine del corso – oggi  di laurea – in pianoforte  che imparano a memoria i brani soltanto tramite  memorizzazione di una successione di note o di tasti (nel caso della memoria visiva)  senza capire  come è costruito il brano musicale  e perché. Al che faccio l’esempio:  è come voler apprendere a memoria una poesia in una lingua sconosciuta – per esempio un sonetto di Shakespeare – imparando la successione di suoni da pronunciare senza capire il significato di quello che si sta dicendo. Sì, si può pure arrivare ad un risultato soddisfacente,  ma con grandissima fatica  e con il rischio continuo di fare errori. Non sarebbe molto più semplice imparare prima la lingua e capire il significato delle parole?

Ho trovato giovani che hanno studiato pianoforte per  5 – 7 anni e non sanno nemmeno che cos’è un accordo di settima di dominante!
Per non parlare degli insegnanti. Una volta ho conosciuto una insegnante di pianoforte che ammise candidamente che lei l’armonia non la conosceva perché – al conservatorio –  l’esame di armonia l’aveva sostituito con quello di storia della musica!

Allora: ben venga un sito come il suo !!!!  Quanto meno per dare un’idea  – anche ai soli appassionati come me –  di cosa sia la struttura musicale! (C’è gente che pensa che per comporre basti “aspettare l’ispirazione” ovvero cercare i temi musicali suonando le note a caso.  Sì – ho risposto io – è  come affermare che  per scrivere un romanzo basta tirare a caso le parole da un vocabolario!).
Mi scusi la divagazione. Torno al suo sito, che trovo interessantissmo, però organizzato in maniera non molto agevole. Per esempio, non c’è o almeno non l’ho trovato, un indice sequenziale delle lezioni, di modo che ci si può “imbattere” nella lezione n. 3 di analisi e interpretazione I – senza sapere dove si possa trovare la lezione n. 1.
Vedo poi che c’è la possibilità di iscriversi, ma il link mi rimanda ad un sito che non c’entra niente con il suo.
INSOMMA: Vorrei seguire  con LEI  il corso di armonia e analisi fin dall’inizio. Mi può far sapere –  PER PIACERE – come devo fare?

Se devo pagare una quota di iscrizione per seguire i corsi in modalità e-learning lo farò volentieri, ma questo nel sito non è spiegato ovvero non ho trovato  indicazioni adeguate.

Nel porgerLe i miei più sinceri e cordiali saluti, le porgo ancora una volta i miei complimenti per la lodevole iniziativa di aprire un sito di cultura musicale di altissimo livello !!!!

Luigi Malinconico

P. S. :  Se Lei abitasse a Roma, come me, mi farebbe piacere poterla incontrare di persona.

Questa voce è stata pubblicata in E-learning, Lettere al/dal sito. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.