Il “Padre Nostro” detto da Dio

di Mario Musumeci

Il Pater Noster, il Padre Nostro, è la preghiera più amata dai cristiani. Vuoi per il suo carattere quasi ancestrale, di profonda e commossa comunicazione con l’Origine del Mondo, inevitabilmente a noi ignota, ma acquisita per altra via dal credente. Vuoi perchè la personificazione del Padre comune mantiene un indiscutibile portato simbolico, nel riassumere in sè sia l’Origine diretta e vicina (anche riportando all’antico culto degli Avi) sia l’Origine lontana e indiretta, ma Comune e Assoluta per gli uomini tutti; dunque costringente alla riflessione sul significato della vita e della morte dei singoli al di là del permanere plurimillenario della Specie.

Forse una riscrittura adattata all’attualità sarebbe necessaria per quel testo, scritto due millenni orsono e dunque riferibile ad una visione della realtà indubbiamente oggi superata dalla conoscenza che l’Uomo possiede del Mondo stesso.

Ad esempio al modo seguente.

Per me *

Padre nostro, che ovunque sei,

santifica i nostri giorni e rendi autentica

l’Umanità da Te in noi ispirata

Donaci la certezza nelle precarietà dell’oggi

e rinnova la vocazione di amare come Noi stessi

l’Altro nel nome del Tuo genio creatore

Allontanaci gli abbrutenti mali dello spirito

e per l’attimo tentatore ritempra

nel Tuo Amore la corazza che ci protegga”.

(* da Mario Musumeci, Poesia nell’amore, Lippolis, Messina 2008)

Il cristiano è però abituato al vecchio testo, nonostante le sue palesi odierne incongruenze; la più paradossale è addirittura offensiva per l’Alto Interlocutore: il “non ci indurre in tentazione” – espressione semmai riferibile alla personificazione del Male, il Demonio (c’è però chi, come mia moglie, saggiamente sostituisce con “soccorrici nella tentazione”).

Forse, per chi conosce l’importanza simbolica della preghiera individuale o comunitaria, anche il vecchio testo andrebbe bene, se comunque almeno “pensato” in una maniera concettualmente più rispettosa e congruente: le parole di una nota preghiera cantano l’esigenza e la presenza del sacro, perchè sono innanzitutto consolidate nel nostro vissuto e la loro modifica potrebbe forse attenuare in noi quella nascosta eppure evidente (perchè abitudinaria?) “musicalità”. D’altra parte ripetere all’infinito e per un’intera vita un testo incongruo non significa affidarsi alla forma piuttosto che alla sostanza delle parole e dei concetti che esse veicolano? E questo non costituirebbe un “farisaico” vizio tra i tanti profetizzati nel Vangelo, e spesso con una certa veemenza, dallo stesso Cristo?

Però ricevo dai cari amici Maria e Pippo una Preghiera particolare, che inverte i consueti termini di relazione. E la pubblico proprio per l’estrema dolcezza del suo contenuto. Che riguarderebbe, a modesto parer mio, cristiani e non cristiani. Insomma l’Umanità orante.

Il Padre Nostro detto da Dio

(aggiornamento del 18-08-2016:)

Questa dolcezza, pur nascostamente, deve avermi molto ispirato se, a notevole distanza di tempo, ho prodotto una versione in vernacolo della preghiera al Padre. Eccola:

O Patri miu

(Preghiera notturna)

 

O Patri nostru caru stai misu ‘nt’ogni locu

E si ‘u mè jornu è amaru mi ‘mpresti acqua e focu

P’astutari i duluri e addumari ‘a passioni,

Poi duni a mia i tò curi e tuttu mi pirdoni.

 

Voi ca ni li jorna mei ju mi facissi santu

No comu i farisei ppi farimi nu vantu

Ma p’essiri tò pari ju ca nun sugnu nenti!

C’avissi mai a fari n’to menzu a l’autri genti

Si non dunari chiddu ca tu dunasti a mia

E viviri di spirdu, filici e così sia?

 

Di carni mi facisti: si ‘u corpu voli ciatu

Pirchì tu mi criasti sbagghiatu e ‘nto piccatu?

O fussi n’autra cosa ca tu di mia vulisti

Rialannumi ‘na sposa ‘n cuntrastu a jorna tristi?

 

O patri miu circannu a ttia ‘ncessantimenti

T’attrovu unni vannu i megghiu tra li genti

E a chisti a tia vardannu cercu d’assumigghiari.

E senza fari dannu putiri arricriari

‘A vita mia e di chiddi ca cchiù mi stannu ‘ntornu,

Ca ‘a notti semu spirdi

murennu appressu ‘o jornu.

 

Febbraio 2016

Questa voce è stata pubblicata in Poesia della vita. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.