Analisi della letteratura musicale di repertorio (Analisi III) – Lezione straordinaria su Bartok

by Mario Musumeci

Lo studio del repertorio modernistico del novecento storico, in genere, non è cosa facile e richiede doti ricognitive almeno pari alle doti di inventività e di creatività  riflesse negli oggetti osservati (le opere d’arte) dai compositori stessi. Questo, assieme al persistere di modelli teoretici e pedagogici del tutto insufficienti, motiva l’approccio generico e sbrigativo, ai limiti dell’inutilità, di tante analisi e di tante critiche e incasellamenti storico-musicologici, implicanti giustificazioni critico-analitiche e modelli teorici inadeguati e superati.

Pur nondimeno poco esiste sul piano teorico e metodologico-didattico che serva da buon supporto al proposito, mentre molto viceversa viene utilizzato maldestramente,  tanto da contraddirne gli stessi principi necessari per l’impiantarsi delle citate doti ricognitive.

Proviamo allora, secondo un modello teorico già testato in un trentennio di studio, ricerca e applicazioni didattiche, a rivolgerci ad un autore che ben merita l’applicazione di queste doti, proprio per sollecitarle e per meglio sorreggerle.

Ecco un questionario sull’ultima delle Sei Danze in ritmo bulgaro, rivolto e dedicato alla mia brava studentessa Egidia. Che questa musica deve suonare e suonerà certamente al meglio. Soprattutto comprendendone al meglio i significati, bene orientando il proprio e l’altrui orecchio nell’ascolto e nel meglio maturato ri-ascolto (chè di questo, in ultima analisi, si tratta).

Questionario Bartok – Danza in ritmo bulgaro n. 6

Per i materiali già resi disponibili cfr. il precedente Post:

Analisi del repertorio musicale (Analisi III) – Pianisti

Note:

(1) Con l’alibi di malintese e “insuperabili” prassi didattiche dove la nobiltà stessa della vera “tradizione” viene anche a tradursi in volgare praticoneria, utile solo ad abbreviare e banalizzare i percorsi formativi. Producendo intere generazioni di musicisti troppo spesso più abituati alla meccanica automatizzata del fare esecutivo che alla sua resa performativa espressivamente congruente con i significati implicati. Il caso di Bartok, se e proprio in quanto improntato ad un’autoreferenziale rimicità genericamente dissonante, sembrerebbe abbastanza paradigmatico al proposito.

 

Questa voce è stata pubblicata in E-learning, Studi e saggi analitici. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.